23 gennaio 2012

E' sempre colpa della prospettiva

Esistono libri che non leggeremmo mai se qualcuno non li scegliesse per noi...

C'è un libro, che se non mi fosse stato consigliato strenuamente non avrei mai letto e non avrei mai potuto regalare. Un libro che, prima ancora di iniziare, conoscevo in molti dettagli e, solo causa ripicca, ne ho posticipato la lettura.

La versione (dei fatti) di (un tale) Barney - è il libro in questione. Provate a cercarlo. 484 pg (secondo la mia edizione, ovviamente al netto del vocabolario Yiddish).

A prima vista un testo impegnativo.

Il mio volume ha sostato sotto il letto per un anno e non perchè non l'avessi finito, ma perché mi piaceva l'idea di averlo accanto. Ora, non è che vi sto parlando di un capolavoro della letteratura, un mancato premio Nobel, no, questo NO! Vi sto parlando di un buon libro, e della storia di un uomo, e come vi dicevo della sua versione dei fatti.

Barney l'ho conosciuto nella primavera del 2010, me ne hanno parlato per mesi, fino a quando non si è insinuata quella curiosità che supera l'impuntarsi - l'agire per partito preso - stupidamente opporsi.
La prima volta che l'ho letto ho impiegato un po' di tempo per finirlo. Ero distratta. Periodo ricco di eventi e poca attenzione. Poi l'ho messo in borsa e, di conseguenza, ad averlo sempre con me, ho finito per rileggerlo, saltare da una pagina all'altra alla ricerca della frase o del frammento di storia che più mi aveva colpito.

Superato lo scoglio iniziale, l'ho trovato geniale. ESILARANTE. TRIESTE. Un insieme di emozioni confuse.

Questa la mia versione dei fatti...provate a trovare la vostra, fatevi un'idea su Barney e la sua storia, lasciatevi rapire dalle sue parole!

Tutta colpa di Terry. E' lui il mio sassolino nella scarpa. E se proprio devo essere sincero, è per togliermelo che ho deciso di cacciarmi in questo casino, cioè di raccontare la vera storia della mia vita dissipata. [...]

Buona lettura!
E fatemi sapere che ne pensate











4 commenti:

  1. Ho visto il film. Gran bella storia, di quelle che alla fine ti fanno invidiare la pseudo-leggerezza del personaggio e la conseguente pienezza della loro vita (poi tu sai quanto adoro le storie Yiddish!)
    Film o libro, considerando la prova dell'attore?

    RispondiElimina
  2. Il film è ben fatto, ma per ovvie ragioni non dà peso a tutte le sfumature che 400 pg e più possono racchiudere! Ad ogni modo, ti consiglio di leggere il libro, perché il film non svela nemmeno la metà dei fatti e la versione che Barney ne da!

    RispondiElimina
  3. chissà cosa ne penserebbe enzo... gran libro comunque!
    "Ma ho anch'io i miei principi. Non ho mai venduto armi, droga o cibi dietetici".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Enzo direbbe che infondo le prove che ci sono bastano....anche se c'è stato un papà per soli 15 gg ... COSPIRAZIONE COSPIRAZIONE COSPIRAZIONE...

      Elimina